VENDITA

LE AGEVOLAZIONI PER CHI ACQUISTA

Per incentivare gli investimenti e sviluppare l'industrializzazione delle imprese meridionali italiane e al fine di sviluppare la coesione territoriale, la legge di stabilità 2016 ha istituito un credito d'imposta a favore delle aziende con sede nelle regioni del Mezzogiorno (Calabria, Campania, Puglia, Basilicata, Molise, Abruzzo, Sicilia e Sardegna) per l'acquisto di beni strumentali nuovi, effettuato dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2019, da destinare alle proprie unità produttive.

Le spese che godranno di questo sgravio, sono gli investimenti per l’acquisto di impianti, macchinari, arredi, strumentazione, attrezzature informatiche e licenze software.

Cos'è e come funziona

Il bonus investimenti al Sud 2018 è valido per gli investimenti effettuati dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2019 e prevede un credito d'imposta pari al 45% per le piccole imprese, 35% per le medie imprese e 25% per le imprese più grandi, da utilizzare solo in compensazione, mediante modello F24.

Beneficiari di tale agevolazione, sono tutti i soggetti titolari di reddito d'impresa che acquistano beni strumentali nuovi da destinare a unità produttive ubicate in Calabria, Campania, Puglia, Basilicata, Molise, Abruzzo, Sicilia e Sardegna. Quindi, tutte le PMI a prescindere dalla natura giuridica e dalla dimensione, dal settore economico e dal regime contabile adottato. Sono escluse le imprese che operano nel settore dell’agricoltura, della caccia e della silvicultura.

Le imprese che vogliono usufruire di tale agevolazione, devono presentare domanda all'Agenzia delle Entrate con l'indicazione dei beni che intendono acquistare.

Sono agevolabili solo i beni strumentali all'attività d'impresa, nuovi e destinati a imprese italiane. Sono esclusi dall'agevolazione, invece, i beni merce destinati alla vendita, beni assemblati o concessi in comodato d'uso. Rientrano tra i beni agevolabili anche quelli acquisiti mediante leasing finanziario con acquisto finale.

Per informazioni:

Contatta